startUP

MarcoMengoli-Startup

QUANDO LE VOCI DI CORRIDOIO …finiscono in fondo a destra

GUARDA POST CORRELATI:

santa inquisizione

ilsilenziatore

nuovograndecentro

magnacciosatirico

Annunci

Decaduto o no

MarcoMengoli-DecadutooNo

la legge è uguale per tutti GLI ALTRI PERO’!

GUARDA POST CORRELATI:

Ruby

Ruby 1/2 nuda

Berlusconi

Processo

l’ultimo italiano

MarcoMengoli-ITALIANO

“adesso che hanno abbattuto il male, finiti i festeggiamenti che si diano da fare pure… tocca a voi, ora non vi sono scuse il campo è libero non potete fare altro che bene, sempre che il male fosse colui… O CHE VI FOSSE UN SOLO MALE

GUARDA POST CORRELATI:

santa inquisizione

ilsilenziatore

nuovograndecentro

magnacciosatirico

Silvio B. “11”

Eh già… E SilvioB?

SilvioB non era venuto a mancare!

Come al solito, ed anche in quel lontano13 dicembre 2009, lui si era rilevato il più furbo e astuto di tutti… L’attentato c’era stato, ma lui si era miracolosamente salvato.

Certo, qualche giorno di prognosi, qualche segno indelebile, ma tutto sommato gli era andata bene.

SilvioB però aveva capito che quello era stato un segnale chiaro e forte. La situazione stava degenerando, la campagna d’odio, il clima di tensione erano ormai giunti a livelli altissimi e quello non era niente altro che la prima piccola scintilla.

Così presa la palla al balzo, si fece dare per morto, dopodiché scappò su un isola deserta con settanta vergini bellissime. Ma non è finita…

Tra un riposino e un passatempo SilvioB si iniziò a dedicare ogni giorno di più ad un blog satirico. In pochi anni, sotto il falso nome de “il caimano” era arrivato a gestire il blog di satira politica con più contatti giornalieri.

Diciamo che aveva riempito un vuoto esistenziale e commerciale che nel web si era creato da qualche anno con la chiusura di un altro blog gestito da un noto personaggio.

Insomma, ancora una volta, nel bene e nel male era riuscito ad essere un passo avanti a tutti.

Che dire? SilvioB un uomo mai Duomo.

Antonio D.P. “10”

Antonio D.P. era l’unico che non si era dato per vinto.

Era assolutamente convinto che SilvioB avesse creato una messa in scena.

Così da potersene scappare indisturbato all’estero.

Da anni ormai conduceva la trasmissione: “Chi l’ha visto”.

Chiaramente aveva cambiato il nome della stessa in: “Chi l’ha visto SilvioB”.

In ogni puntata Antonio D.P. si lanciava in strane ipotesi, intervistava personaggi astratti che dicevano di aver visto o riconosciuto SilvioB in qualche parte del mondo e formulava ipotesi impossibili. Il tutto grazie all’aiuto di una tra le migliori agenzie investigative d’Italia la: “Repubblica Investigation on Silvio”.

Dopo il 13 dicembre Antonio D.P. aveva lasciato la politica in toto e si era dato alla ricerca senza stregua. Aveva anche scritto un libro, nel quale rispondeva alle dieci domande di Repubblica, ed a altre “cinquecentosessantanovevirgolatreperiodico” domande formulate dai lettori, domande a cui rispondeva iniziando sempre con: “E che c’azzecca!?!”.

PDL & PD “9”

Anche i due grandi Partiti italiani, il PDL e il PD erano drasticamente cambiati.

Il PDL, capitanato dal rientrante Gianfranco Fini, se ne era andato a sinistra, tra l’altro il nuovo leader aveva deciso di cambiare il suo nome in: Ernesto Franco Fini.

Giusto per dare seguito ad una frattura interna ed a un’ambiguità di pensiero politico.

Inoltre… Ora nel PDL ognuno esprimeva il suo parere e non si arrivava mai ad un accordo, un po’ come era successo alla sinistra per anni.

Mentre il PD, orfano del nemico si era trovato spaesato…

Quindici anni vissuti solo contro di lui, senza un’idea, senza uno scopo e ora?

Così dopo mesi alla deriva anche nel PD, come nel PDL si era arrivati ad una svolta.

Dopo un’assemblea di 87 ore consecutive tenutasi sulle montagne russe di Mirabilandia il PD aveva cambiato nome, tornando alla denominazione: “PDS”.

Ora però la sigla significava: “Partito Democratico di Silvio”.

Il partito era passato a destra colmando il vuoto lasciato dal PDL e ora, visto che non lo poteva più attaccare, aveva deciso di venerarlo e di portare avanti le sue idee.

Il leader era rimasto Samuele B. che ora però, grazie a vari lifting e ad una riduzione delle gambe assomigliava a SilvioB. Inoltre si faceva chiamare “cavaliere”, vestiva in doppio petto blu e trombava tutte quelle che gli passavano a tiro.

Insomma il PDS era diventato un partito liberale che aveva u unico nemico…

La Magistratura.

Rai 3 & Rete 4 “8”

Anche i due canali televisivi che per anni avevano dedicato, con intenzioni opposte, grande risalto a SilvioB avevano risentito dell’accaduto.

Per un po’ si erano retti il gioco a vicenda…

E così quando Rai 3 inventava notizie relative a imminenti processi o accuse verso SilvioB ecco che Rete4 di contraccolpo inventava notizie di possibili beatificazioni o avvistamenti nei cieli sopra l’Idroscalo.

Venne così diffusa la notizia che una Madonnina piangendo avesse composto con le lacrime la scritta “cribbio” o che una madre dopo aver chiamato suo figlio con il nome di Silvio si fosse ritrovata tra le mani anziché un certificato di nascita, un avviso di garanzia.

Poi finito il periodo del reggersi il gioco a vicenda, i due canali avevano tirato in remi in barca ed erano divenute due emittenti come le altre. Anche se…

Si narra ancora oggi che in alcune nottate di luna piena i giornalisti di Rai 3 e quelli di Rete 4 si ritrovino in ambienti oscuri e lì diano vita a gare di: “Chi vuol essere Milionario”.

Chiaramente con domande basate esclusivamente su SilvioB.